giovedì 10 novembre 2016

Più forza, visibilità e allegria alla battaglia per il No al referendum costituzionale del 4 dicembre.



Una dimostrazione artistica per la più bella Costituzione del mondo con  tutte le ragioni per bocciare una “deforma” pessima e antidemocratica.



Una  sollecitazione visiva che porta a riflettere.
Un teatro si apre dilatandosi. Uomini e donne stilizzate con il NO travalicano il palco, vanno oltre,  in prima fila lo striscione “viva la Costituzione” dirigendosi  verso la luce. Dalle pareti cadono bandiere mentre il cielo sembra fondersi  in una   esplosione di luce e vivacità per ritrovare se stessi negli attimi di idealizzazione più fortemente vissuti.

https://fattodavoi.ilfattoquotidiano.it/contributo/le-buone-ragioni-del-no-in-arte/




#iovotono

#IoDicono


martedì 1 novembre 2016

“ Le buone ragioni del No”




La riforma Renzi-Boschi svilisce la Costituzione: usciamo dalla
retorica e capiamo i veri effetti  insieme.

VENERDI' 4 NOVEMBRE 2016
ORE 21
CENTRO SOCIOCULTURALE - CIRIE'
C.so Nazioni Unite 32

Relatore: Prof. costituzionalista Francesco Pallante
_____

In occasione dell’incontro verranno esposti due lavori su tela (80x80) di arte
contemporanea sul tema “ Le buone ragioni del No”.

Un'occasione, questa, di approfondimento sui motivi del NO,
trasformando l’incontro in opportunità di visione in una fase di
crisi della partecipazione, di astensionismo e di allontanamento dei
cittadini dalla politica.

Occorra moltiplicare le occasioni di democrazia invece che ridurle a
salvaguardia delle democrazia di oggi e garantire la propria libera
voce domani dalla parte giusta dell’esistenza.

sabato 11 giugno 2016

Da 25 anni le assistenti di volo Alitalia indossavano la stessa livrea..

"Good Bye Alitalia"
Installazione
1,75 x 30 2011
(ferro, tessuto, accessori)
____

Alitalia ha per lungo tempo rappresentato l’Italianità nel mondo: la più alta vetrina del made in Italy anche attraverso l’immagine delle hostess di volo sempre impeccabili nel loro stile.

Le divise nel tempo sono state firmate da alcuni dei più importanti fashion designers italiani dagli anni '50 fino ad oggi: Sorelle Fontana, Delia Biagiotti, Tita Rossi, Mila Schon, Fabiani, Marzotto, Lebole, Renato Balestra, Giorgio Armani, Mondrian.

Le Sorelle Fontana  per 10 anni hanno vestito il personale di volo nel dopoguerra con gonna scura sotto il ginocchio e giacca blu a tre bottoni. Dal '60 al '66 le divise vengono firmate da Delia Biagiotti, madre di Laura, che propone un classico tailleur color carta da zucchero, con gonna al ginocchio e giacca con manica tre quarti tipica degli anni Sessanta. Nel '67 si torna al blu con Titta Rossi che introduce la giacca corta a doppio petto.

Nel '69 Mila Schoen accorcia le gonne e propone i colori verde Italia e rosso Manciuria.
Dal '73 arriva l'uniforme disegnata da Alberto Fabiani.
Tra il '75 e l'86 Florence Marzotto propone completo color amaranto rosso melograno.

Con Renato Balestra (anni 1986-1991) il tailleur ha la giacca blu a tre bottoni profilata di verde, e la gonna regimental blu e verdi.

 Nel '91 Giorgio Armani realizza una divisa con colori autunnali nella gamma dei verdi.
Nel '98 arriva Mondrian che  veste fino al giugno 2016la compagnia.
____
Febbraio 2012

Vittorio Sgarbi curatore del Padiglione Italia della 54° Biennale di Venezia nella visita ai padiglioni, accompagna il  Presidente della Regione Piemonte Roberto Cota  illutra sommariamente alcune opere.

Rivolgendosi a una sala gremita di fans e di un pubblico sostenuto ribadisce che è l'atto conclusivo della sua Biennale tra la laguna e le varie sedi regionali, omaggio alla città capitale dei 150 anni dell'Unità  ed aggiunge che, quella del Padiglione Italia di Torino, è una esposizione di centinaia di artisti che in qualche modo rappresenta lo spirito dei tempi ed elude le dinamiche curatoriali e funzionali per il mercato dell'arte e non al gusto estetico ed elogia l'installazione "Good Bye Alitalia" dichiarando che l'avrebbe chiamata urlo di dolore dell'Aliatalia"

giovedì 18 febbraio 2016

“La mia montagna”



“La mia montagna,” tecnica mista, 70x70 - 2016.

In questa opera, la fantasia ha un segnale specifico di una realtà reinterpretata come pretesto per esprimere un sentimento esistenziale..
Esposto presso la storica Caffetteria “I PORTICI” via Torino, sotto i portici di Palazzo Mosca, caselle Tor.



sabato 22 agosto 2015

“Lucetempo”







“Lucetempo”
Una mostra d’arte che incontra la poesia nella Sala conferenze della Regione Piemonte  di C.so Stati Uniti 23. Un ampio percorso di 11 artisti per fermare la fonte della vita che è la luce.
Espongono:  Franca Valeria Oliveri, Pierluigi Cattaneo, Ivan Cambiolo, Mario Mondino, Michele Privileggi, Stefano Rollero, Eugenio Musacchio, Francesco La porta, Martinico Salvatore, Tegi Canfari, Claudio Zanni.

                                                 Esposizione 4 -15 settembre 2015
Orario visite: 14,00-19,00
Inaugurazione della mostra
Venerdì 4 settembre ore 17,30

Con introduzione della mostra di Francesca Rollero e un saluto agli artisti e al pubblico intervenuto dalla poetessa Rossella Seller.

Relazione critica di Valeria Massa e Antonio Zappia
  

Incontro con la poesia nella cornice pittorica
sabato 12 settembre ore 17,30
con un percorso in versi da Omero a Cesare Pavese

Voci recitanti:
Carla Jaksetich – Livio Vaschetto – Antonio Zappia
Introduzioni musicali della pianista compositrice  Silvia Crovesio.
Ingresso libero